BEING THERE – OLTRE IL GIARDINO

Being There – Oltre il Giardino è una retrospettiva dedicata ai lavori ambientali e alle correlate opere pittoriche realizzate da Salvatore Emblema nel corso di oltre cinquanta anni di carriera. Dagli esperimenti pittorici giovanili dove si includono, in un impianto ancora vagamente figurativo, elementi naturali sulla superficie del quadro, fino alle grandi istallazioni ambientali della seconda metà degli anni Settanta dove la natura è oggetto (nel suo complesso) dell’opera d’arte e l’opera d’arte è (al contempo) inserita nel contesto spaziale del paesaggio. Un gioco di evasioni e continui ritorni alla spazialità del quadro. Una spazialità intesa come il territorio compositivo della pittura. Che però si evolve, negli anni, come uno strumento attraverso cui filtrare e decodificare il contesto naturale, il paesaggio, l’apparente immobilità dell’orizzonte.

La Tappa di Palermo – che apre il vero percorso di Being There, dopo le anteprime dedicate alle opere degli anni Settanta (Trasparenza alla Galleria Bugada e Cargnel di Parigi; Selected Works 1973-1979 alla Galleria Fonti di Napoli) – abbraccia l’intero percorso creativo di Emblema. La mostra, con un taglio biografico e letterario, mira ad analizzare l’ambivalenza di fondo della ricerca di Emblema che è assieme riformatrice dell’oggetto quadro e pure profonda assertrice della sua ontologia tradizionale.

Il titolo prende a prestito il nome dal romanzo di Jerzy Kosinski (Being There – Presenze) e dal film omonimo con Peter Sellers (Oltre il giardino nella traduzione italiana) dove il giardino diventa metafora di un viaggio (da e verso una natura sublimata ed interiorizzata) che è anche, per Emblema, un viaggio reale, esistenziale. È facile identificare la biografia e la ricerca di Salvatore Emblema con l’idea di un uomo che applica al processo artistico principi e meccanismi desunti da un sapere arcaico, elementare, profondamente terraneo e che pure non accetta altro confine che non sia il perimetro del cielo.

“Siamo particolarmente lieti – dichiara Valeria Patrizia Li Vigni, direttrice del Polo Museale – di realizzare questo progetto che vede operare in sinergia più istituzioni del contemporaneo e mette in rete i due spazi espositivi palermitani del Polo Museale, Palazzo Belmonte Riso e la Cappella dell’Incoronazione, per una mostra che ripercorre la produzione di un artista attento al rapporto tra lo spazio e la luce, l’uomo e l’ambiente naturale, tematiche care al Museo Riso, più vote affrontate in altre mostre e oggi più che mai attuali”.

Il percorso espositivo si articola in 4 nuclei crono-tematici:

ESERCIZI DI GEOGRAFIA ELEMENTARE (1956/2000)

La mostra si apre con un piccolo nucleo di lavori dedicato ai primi esperimenti pittorici eseguiti dal 1956. Emblema in questo periodo si dibatte ancora tra moduli figurativi ed una già accurata indagine sui materiali (terre vulcaniche e foglie disseccate). Sviluppa un linguaggio di compromesso costituito da paesaggi bucolici, figure oblunghe e ritratti eseguiti con collage fullografici. Emblema in questi anni si trasferisce da Terzigno, paese natale sulle pendici del Vesuvio, a Roma. Nella Capitale è preso sotto l’ala protettrice di intellettuali di spicco come Carlo Levi ed Ugo Moretti. I due scrittori probabilmente incoraggiano queste espressioni ancora giovanili, calcando la mano sul prototipo neorealista del giovane proveniente dalle aree rurali del Sud, dotato di genuino talento e legittima volontà di elevazione intellettuale. In varie fasi dal 1956 e fino al 1965 iniziano i soggiorni di Emblema a New York dove alloggia a casa del musicista Don Henry nell’Upper West Side. L’artista, giunto in America accettando un iniziale invito di David Rockfeller, cerca di emanciparsi dal ruolo del giovane pittore proletario dalla poetica ingenua ed istintiva. Le opere dei primi anni ‘60 risentono indubbiamente della lezione di Mark Rothko (influenza attestata da Giulio Carlo Argan e da Palma Bucarelli) ma conservano una portanza materica e una scaltrezza dell’impianto compositivo del tutto estranea alla ricerca dell’americano. In questa stessa decade Emblema inizia anche una serie di indagini artistiche operate direttamente sul paesaggio, opere ambientali che anticipano di alcuni anni alcune caratteristiche operative proprie della Land Art americana ed europea. È un esempio di questi lavori d’arte ambientale “Alberi Colorati”, una porzione di pineta giovane dove gli alberi vengono interamente ricoperti con pigmenti biocompatibili in bianco e rosa. Una istallazione efemerale, destinata a scomparire nel fisiologico processo di crescita della pianta (BEING THERE VESUVIO – settembre 2017)

OLTRE IL GIARDINO (1969/1979):

Nucleo centrale di Being There è la sezione dedicata ai lavori ambientali e alle tele degli anni ’70. Nel 1969 Emblema realizza il suo primo quadro “de-tessuto” incentrato sul tema della trasparenza. Queste opere diventeranno la sua immagine iconica. Negli anni ’70 Emblema realizza anche una serie di vasti interventi ambientali che fungono da base di indagine per le ultime opere di questo periodo le “Doppie Tele”, portate in mostra in varie sedi museali da Argan e Bucarelli. Queste nuove indagini sul paesaggio assumono talvolta la portanza di vere e proprie sculture trasparenti. In altri casi sono giganteschi telai autoportanti dove la superficie della juta, spesso intrisa di colore, è esposta ai giochi mutevoli della luce, delle forme dell’orizzonte e del vento. Questo nucleo espositivo ha una sua propaggine allestitiva nella Cappella dell’Incoronazione. Le specifiche comprendono anche una video proiezione dedicata che è incentrata su un time-lapse tridimensionale: è mostrato l’evolversi delle forme e dei giochi di luce attraverso l’opera trasparente di Emblema nel corso di 24 ore di ripresa continua nella collocazione originale dell’opera all’interno del parco di sculture del Museo Emblema.

IRONIA DELL’ORIZZONTE (1980/1999):

L’idea di quadro come oggetto dotato di una propria autonomia formale e ontologica torna nella carriera di Emblema alla fine degli anni ‘70. È lo zeitgeist del periodo dopo il tumulto sperimentale del decennio precedente. Ma in Emblema il quadro ritorna irrimediabilmente trasfigurato dall’analisi operata sul paesaggio per mezzo delle grandi opere trasparenti, integrate nel paesaggio. La capacità dell’opera di farsi filtro restituisce una visione della pittura che è sempre gesto e materia ma anche idea sublimata della visione di orizzonti e geografie specifiche. Tornano i materiali vulcanici come elementi cromatici ma le forme si fanno rarefatte ed evocative. La scansione degli spazi è riconducibile a frazioni di natura, incasellate nelle geometrie ippodamee delle reti metalliche e della juta. Le opere degli anni ‘80 presenti in mostra lanciano una sfida direttamente collegata alla visione del paesaggio attraverso le trasparenze. Un gioco intrapreso con il visitatore, che viene invitato a riconoscere quell’ombra, quella luce o quel colore. Elementi che in veloce transito sull’opera ambientale, vengono ora cristallizzate in immagini persistenti e compiutamente pittoriche. Negli anni ‘90, tuttavia, il quadro inteso come oggetto visivo e funzionale, intimamente connaturato all’architettura d’interni, entra nuovamente in crisi con il “Ciclo delle Bandiere”: una ripresa delle sperimentazioni modulari e dei telai autoportanti degli anni ’70. Il Ciclo delle Bandiere, che chiude il percorso espositivo della mostra, è una ricerca volta a estenuare la forma manifatturiera dell’oggetto “quadro” che inalterato nella sua costituzione (tela+telaio+pittura) è però minato come funzione eminentemente contemplativa e diventa invito all’interazione, gioco di spazi minimi, moltiplicazione di piani di supporto.

QUANTI CIELI HAI VISTO OGGI? (Supporto Audiovisivo a “Indagine sul paesaggio” 1974):

Questa sezione della mostra è legata all’allestimento di “Ricerca sul Paesaggio 1974”. Una video proiezione continua incentrata sulle mutazioni delle luci delle ombre e del paesaggio naturale attraverso l’opera. Concepita per essere esposta in esterno, la grande rete metallica montata nella Cappella dell’Incoronata verrà restituita alla sua funzione originaria, quale filtro cromatico sul reale. Attraverso un time-lapse realizzato nell’arco di 24 ore all’interno del parco di sculture del Museo Emblema, il video è proiettato simultaneamente su 2/3 pareti della sala ipostila della Cappella, con inquadrature focalizzate su diverse angolature e con un dato scarto temporale, onde fornire all’osservatore un’esperienza sensoriale volta alla comprensione del valore profondo dell’opera e del suo intimo rapporto con la visione dello spazio in cui essa è situata. Su questa sezione della mostra è innestata, attraverso l’hashtag #QuantiCieliHaiVistoOggi, una apposita campagna di comunicazione alternativa a quella istituzionale della mostra, attraverso i maggiori social media con la finalità di incrementare il numero e la curiosità dei visitatori, soprattutto nella fascia d’utenza giovanile.

Scheda mostra 

Artista
Salvatore Emblema

Titolo
Being There – Oltre il Giardino

Sede
Polo Museale regionale d’Arte Moderna e Contemporanea di Palermo:
– Palazzo Belmonte Riso, Piano Nobile
via Vittorio Emanuele 365 – Palermo
– Cappella dell’Incoronazione
via dell’Incoronazione, 11 – Palermo

Inaugurazione
sabato 8 luglio – ore 18:00

Date
domenica 9 luglio – martedì 5 settembre 2017

Orari
Palazzo Belmonte Ris0
martedì, mercoledì, domenica: 10:00 – 19:30
giovedì, venerdì, sabato: 10:00 – 23:30
lunedì: chiuso, eccetto i festivi

Cappella dell’Incoronazione
da lunedì a venerdì: 9:00 – 13:00
sabato, domenica e festivi: chiuso

Organizzazione
Palazzo Belmonte Riso

In collaborazione con
Museo Emblema

Mostra a cura di
Comitato Scientifico “Being There”:
Francesco Bonami
Raffaela Auricchio Emblema (museo emblema)
Agostino Casillo (epnv)
Ernesto Esposito
Claudio Esposito
Claudia Cargnel

Partenership tecniche, istituzionali, patrocini e supporto
Regione Campania
Museo Madre Napoli
Ente Parco Nazionale del Vesuvio
Galleria Bugada&Cargnel, Parigi
Exporre, Palermo
iemme edizioni, Napoli
Spazio NEA, Napoli
Eredi Emblema

Media e ufficio stampa
Museo Emblema
via Salvatore Emblema, 37
80040 – Terzigno (NA)

museo@salvatoreemblema.it
Tel. +39 081 82 74 081

www.salvatoreemblema.it

 Galleria Bugada&Cargnel

7-9, rue de l’Équerre – 75019, Paris (France)

contact@bugadacargnel.com / +33 1 42 71 72 73

www.bugadacargnel.com/fr

iemme edizioni

via Costantinopoli 53 | piazza Bellini 59 – 80138, Napoli
redazione@iemmedizioni.it / + 39 081 187 05 839
www.iemmedizioni.it

 

INFO Museo Riso – Comunicazione
Ludovico Gippetto
Tel. + 39 380.3676787
gippetto@alice.it

____________
Segue Invito

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *